logo

Aloe Vera

Aloe Barbadensis
Aloeaceae

Antiinfiammatoria, immunostimolante, depurativo, remineralizzante, lassativo. Dermoprotettiva e cicatrizzante se usato come gel.

Dalle foglie della pianta si estrae un succo denso, concentrato, della consistenza di un gel, il cui fitocomplesso contiene numerosissimi principi attivi dalle proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie, depurative, nutrienti, remineralizzanti. Queste innumerevoli virtù rendono l’Aloe la pianta regina di tutti i rimedi.

  • Modalità d'impiego

    Succo: un misurino di aloe vera la mattina e uno la sera, lontano dai pasti.

    Gel d’aloe: è un ottimo veicolo per gli olii essenziali, quando devono essere applicati ad uso topico sulle mucose. Un esempio è l’associazione tea tree o.e. con il gel d’aloe utile per gengiviti e candide.

  • Indicazioni Terapeutiche

    Il succo di Aloe ripristina la funzionalità dell’intestino, riequilibrando il ph e la flora batterica, quindi si rivela utile sia nei casi di diarrea che di stitichezza.

    Nota è la sua azione lassativa, ad opera degli antrachinoni, ovvero sostanze che stimolano la peristalsi intestinale, incoraggiando i movimenti dell’intestino. (Per evitare la tossicità degli antrachinoni il succo viene lavorato al fine di rimuoverne l’aloina).Ciò spiega il periodo di tempo che intercorre tra l’assunzione della pianta e il suo effetto lassativo che può essere anche di 12-16 ore.

    Bevendo il succo d’ aloe, che contiene mucopolisaccaridi, si ha un’azione protettiva sulle mucose, in quanto queste sostanze aderiscono alle pareti del tratto digerente, formando un film protettivo in grado di proteggere i tessuti interni dello stomaco sia dai succhi gastrici che da altri agenti irritanti, che andrebbero ad alterare il corretto funzionamento del sistema digerente. Per tale motivo il succo d’aloe è particolarmente consigliato in caso di gastriti, intestino irritabile, ulcere, colite e qualsiasi tipo di infiammazione delle mucose, agendo con un’azione lenitiva e calmante.

    La pianta ha inoltre proprietà immunomodulanti, ovvero in grado di modulare le risposte del sistema immunitario agli agenti infettivi o sensibilizzanti, come allergeni o malattia autoimmuni.

    Infine agli steroidi presenti nell’aloe si attribuisce una proprietà anti-infiammatoria, per tale motivo è di aiuto nei problemi osteoarticolari come artrite, reumatismi e dolori articolari.

    Assumere il succo d’aloe favorisce nel contempo un effetto disintossicante per l’organismo, anche a livello epatico. Tra sostanze nel succo d’aloe troviamo sali minerali, acido folico, manganese e selenio ( questi due elementi contengono due importanti enzimi responsabili dell’effetto antiossidante dell’aloe, cioè sono in grado di rallentare l’invecchiamento cutaneo). Ad uso esterno il gel di aloe, risulta essere una vera e propria benda naturale che favorisce la guarigione di ferite e aiuta a prevenire infezioni. Il gel, fortemente idratante, si è inoltre rivelato utile nelle scottature solari, nell’acne, nelle lesioni da puntura di insetto, nelle dermatiti, in caso di prurito, ulcere e piaghe.

  • Precauzioni

     Non assumere in gravidanza e in allattamento, nei bambini al di sotto dei 12 anni, nella diverticolosi intestinale, coliti in pazienti con occlusione intestinale o con emorroidi o fistole anali.

    Può avere interazione con gli antiritmici, coi digitalici e con i diuretici. In casi di gravi danni epatici e intestinali.

  • Curiosità

    L’aloe è usata come rimedio sin dagli albori della storia e il suo nome deriva dall’arabo alloeh che significa “amaro e lucente” , aggettivi che ben descrivono la sostanza gelatinosa interna della foglia, a cui la pianta deve le sue innumerevoli proprietà.