logo
In offerta!

Amaro Svedese (erbe) 100g.

9.00 6.00

4 disponibili

  • Descrizione

    Prepariamolo insieme…

    Quest’amaro è una miscele di erbe con molte proprietà e benefici, la prima volta che viene nominato

    è da Dr. Samst celebre medico svedese. Questa miscela è ad uso sia interno che esterno

    e sfrutta le proprietà terapeutiche di ognuna delle erbe in esso contenuto, per questo motivo il suo

    utilizzo è tra i più vari. Molte patologie possono trarre beneficio dall’utilizzo dell’Amaro Svedese,generalmente ha un ruolo importante in tutte le affezioni del tratto gastro intestinale e di quello  respiratorio. Maria Treben, scrittrice ed esperta di fitoterapia, nel suo libro La Salute dalla Farmacia del Signore, ne spiega l’utilizzo e lo indica come valido rimedio in caso di occlusione intestinale, dolore al capo, sinusite, dolori articolare, intossicazione,  coliche renali o biliari,  raffreddore, cistiti, reumatismi, emorroidi e molte altre patologie. Tende inoltre ad eliminare le infiammazioni, depurare il sangue e favorire la circolazione.

    Come lo prepariamo:

    Mettiamo le erbe svedesi a macerare in un litro e ½ di acqua vite di grano o di frutta a 40° in una

    bottiglia dal collo largo, lasciandola per 15 giorni al sole o vicino ad una fonte di calore. Ogni

    giorno scuotiamo la bottiglia, e la scuotiamo dopo che l’avremo travasata in una bottiglia più

    piccola ed ancora ogni volta prima di servirsi del suo contenuto. Il liquido va poi travasato in

    bottiglie piccole, chiuse ermeticamente. Questo elisir può essere conservato per molti anni. Più

    riposa più aumenta il suo effetto.

    A scopo preventivo se ne può sciogliere in acqua un cucchiaino, lo si può prendere 2-3 volte al

    giorno per circa 3 settimane. Assolutamente da provare sono i suffumigi, in caso di raffreddore,

    mettendo un po’ di amaro svedese in una bacinella di acqua bollente…e respirare i vapori a capo

    coperto.

    Le erbe Svedesi possono essere usate anche ad uso esterno basta aggiungere qualche goccia del preparato ad un cataplasma, ovvero prendendo un pezzo più o meno grande di ovatta, a seconda dell’aria da trattare, la si bagna con delle gocce di amaro Svedese, avendo l’accortezza, come suggerisce la Treben di spalmare una pomata alla calendula sulla pelle affinché l’alcool non privi la pelle del suo grasso. Coprire il tutto con un panno in modo che mantenga il calore. L’impacco va tenuto dalle due alle quattro ore, se si riesce l’ideale sarebbe tenerlo tutta la notte.

    Gli ingredienti dell’amaro sono: aloe, mirra, zafferano, foglie di cassia, canfora naturale, radice di

    rabarbaro, curcuma, manna, teriaca veneziana, carlina radice, angelica radice.

    Spero che vi piaccia…

     

  • Informazioni aggiuntive

    Marca

    il giardino di Irene

Ti potrebbe interessare…